Manutenzione e Revisione Estinotre: come quando farla

MANUTENZIONE E REVISIONE

La manutenzione degli estintori e di tutte le attrezzature antincendio è, per legge, a carico del datore di lavoro. La norma di riferimento alla manutenzione estintori è la UNI 9994:2013, con riferimento alle "Apparecchiature per estinzione incendi; estintori d'incendio, manutenzione". Queste norme indicano la periodicità dei servizi antincendio per aziende e ne determina, così, quattro fasi: sorveglianza, controllo, revisione e collaudo. Cipierre offre assistenza completa per revisionare qualsiasi tipologia di impianto antincendio e garantire, passo dopo passo, la sicurezza delle persone e degli ambienti.

  1. Sorveglianza Il momento della sorveglianza, nell'ambito della manutenzione antincendio, fa riferimento all'esecuzione mensile di controlli relativi agli estintori. Nello specifico, si dovrà verificare:
    • la presenza dell'estintore e di un cartello che lo indica;
    • che l'estintore sia visibile, utilizzabile nell'immediato e non manomesso;
    • che siano presenti e leggibili tutti i contrassegni distintivi;
    • se presente, si dovrà verificare che l'indicatore di pressione esprimi un livello incluso nel campo verde;
    • nell'ambito della manutenzione estintori, si dovrà vedere se quest'ultimo presenta anomalie e se tutte le strutture di supporto siano funzionanti;
    • se il cartellino di manutenzione sia presente e correttamente compilato.
  2. Controllo La seconda fase fa riferimento al controllo, da parte di personale specializzato, dell'efficienza degli estintori. Il controllo semestrale estintori è regolamentato dalla legge e deve essere affidato ad una ditta manutentiva esterna in grado di adeguare i controlli alla tipologia degli estintori stessi. In occasione del controllo semestrale degli estintori, è necessario compilare il rapporto di intervento, l'aggiornamento del cartellino di manutenzione e la compilazione del registro antincendio.
  3. Revisione Estintori La terza fase fa riferimento all'esecuzione di una serie di interventi per verificare l'efficienza degli estintori, da parte di personale esterno specializzato. La revisione degli estintori è una fase fondamentale, dal momento che è utile al fine di verificare il funzionamento di tutto il materiale predisposto all'antincendio. Fra i vari interventi previsti dalla revisione estintori Co2 e delle altre tipologie, è presente anche la ricarica e la sostituzione dell'agente estinguente presente nell'estintore. Ma ogni quanto si deve effettuare la revisione degli estintori? Secondo la Norma UNI 9994, le tempistiche sono le seguenti:
    • revisione estintori a polvere: 36 mesi
    • revisione estintori Co2: 60 mesi
    • revisioni estintori a schiuma: 18 mesi.
  4. Collaudo Il collaudo serve a verificare la stabilità dell'involucro degli estintori mediante una prova idraulica. La data del collaudo e la pressione di prova devono essere riportate sull'estintore in modo leggibile, indelebile e duraturo. La periodicità del collaudo è la seguente:
    • estintori a polvere: 12 anni;
    • estintori Co2: 10 anni;
    • estintori idrici / a schiuma con serbatoio in acciaio al carbonio: 6 anni;
    • estintori idrici / a schiuma con serbatoio in alluminio: 12 anni.

NEWSLETTER

iscriviti alla newsletter per restare
sempre aggiornato su tutti gli eventi e le promozioni